Il Gruppo Hansaer       |

La flotta Hansa Luftbild

     

 
 
 
       







PO FESR
Sicilia 2007 - 2013

Asse IV

Obiettivo Operativo 4.1.1
Linea di intervento 4.1.1.2









 
 




 
   Progetto
   Partners
   Obiettivi
   Dissemination
  - Convegni
- Pubblicazioni
   Risultati finali
   
   

 



    
 



Metodologie innovative “Design Thinking” di produzione e distribuzione di Banche Dati Geografiche per consentirne una gestione interoperabile tra PA, imprese e cittadini in approccio multilivello sui settori di intervento Ambiente, Energia, Pianificazione Territoriale, Beni Culturali e Protezione Civile nel rispetto delle ultime direttive europee (INSPIRE) nazionali (DL.32 e DL70) e regionali (SRI e PO FESR).




Bisogni e Obiettivi progettuali

Le necessità che hanno motivato la presente proposta progettuale nascono quindi nell’ambito delle recenti normative europee in materia di gestione e trattamento dei dati territoriali, orientate alla costituzione di una infrastruttura per l’informazione territoriale nella comunità europea (Direttiva 2007/2/CE INSPIRE). Tale direttiva realizza la sintesi dell’insieme di “infrastrutture per l’informazione territoriale” create dagli Stati membri e rese compatibili grazie a norme comuni di attuazione; tale sintesi diviene essa stessa standard metodologico di archiviazione, condivisione e divulgazione  dei dati territoriali in modalità di cooperazione applicativa.

Queste indicazioni sono state accolte a livello nazionale dal DLgs 32/2010, nel quale sono stabilite le norme generali per lo scambio, la condivisione, l’accesso e l’utilizzazione tra le amministrazioni regionali e locali, in maniera integrata, dei dati di interesse territoriale ed ambientale. Le autorità pubbliche sono tenute a rendere disponibili i dati territoriali ed i servizi per l’insieme dei dati territoriali in maniera conforme alle direttive europee. Il successivo DPCM 27 aprile 2010 “Regole tecniche per la definizione delle specifiche di contenuto dei database geotopografici” definisce i cardini affinché le basi dati di natura spaziale, mantenute presso le PA, possano essere amministrate in modalità standard (a norma) e condivisa, al fine di assicurare un livello di interoperabilità delle informazioni territoriali adeguato per tutti gli enti coinvolti.

La necessità di riorganizzare e razionalizzare il modello produttivo dell’Impresa deriva quindi dall’obbligo per tutte le amministrazioni di conformarsi alla nuova normativa europea e nazionale e, quindi, indirettamente, dall’obbligo per tutte le imprese di settore a produrre e strutturare tali informazioni nel rispetto di tali specifiche europee e nazionali.

È evidente che il progressivo adeguamento delle PA alle recenti normative nazionali, ed a più ampia scala alle direttive europee INSPIRE, richiede a tutte le Aziende terze che operano in sinergia con le PA locali un adeguamento delle procedure interne di acquisizione ed elaborazione dei dati, al fine di rispettare e rispecchiare in maniera fedele le vigenti regole tecniche ed offrire all’autorità pubblica un servizio che sia INSPIRE compliant

 

Benefici finali

Principale obiettivo è stato, quindi, quello di ridefinire ed ottimizzare il processo produttivo per realizzare Banche Dati che risultino correttamente strutturate e sicure anche in termini di interscambio ed interoperabilità finale di utilizzo. L’Impresa Proponente è da anni impegnata nel settore della gestione dei dati territoriali, occupandosi di aerofotogrammetria, riprese aeree, rilievi topografici con l’utilizzo di strumentazione satellitare, fotointerpretazione e strutturazione informatica dei dati in linea con il quadro normativo nazionale ed europeo di riferimento. Da qui e' nato il bisogno dell’azienda di rinnovarsi per stare al passo con le evoluzioni avvenute in materia di produzione e distribuzione delle informazioni territoriali, introducendo politiche aziendali innovative rispetto al passato e, soprattutto, adeguando il modello di produzione dei dati ai su citati criteri di “standardizzazione” e “sicurezza”.

Sebbene l’Impresa Proponente abbia in questi anni costantemente seguito il continuo evolversi delle specifiche, che soprattutto in Italia hanno risentito di forti ritardi attuativi, oggi è risultato cruciale avere raggiunto i due obiettivi progettuali (compatibilità agli standard e sicurezza) nel minor tempo possibile al fine di vincere anche la sfida di competitività in campo europeo.

Tutto ciò è stato possibile grazie ad una forte sinergia con l’Organismo di Ricerca che aveva già sviluppato modelli di sicurezza dati perfettamente riadattabili alle tematiche proprie del progetto (e cioè Banche Dati Geotopografiche); sono stati definiti nuovi processi produttivi (alcuni dei quali già testati nelle precedenti commesse aziendali a scala nazionale) che ottimizzano i tempi di produzione non incidendo sul livello qualitativo del prodotto finale (che, anzi, deve essere innalzato); sono stati realizzati link con altri enti e strutture tecniche amministrative (nazionali ed europee) che nello stesso periodo di esecuzione del presente progetto stavano definendo i nuovi standard rappresentativi.

Questo nuovo modus operandi aziendale, in termini di una nuova metodologia di lavoro, nuove specifiche operative e qualitative, nonché nuovi strumenti tecnici, dovrebbe  garantire all’Impresa di riconfermarsi nei confronti dei committenti pubblici e privati come azienda leader nel settore della conoscenza e gestione del territorio, e come punto di riferimento per la qualità degli standard e dei servizi offerti.

 

 

 

 

Questo sito è cofinanziato dall'Unione Europea
PO FESR Sicilia 2007 - 2013
Asse IV  -  Obiettivo Operativo 4.1.1
Linea di Intervento 4.1.1.2